Fino al 13 febbraio Benkadì offre i vini di Libera Terra ad un prezzo speciale per dare l'opportunità di assaggiare questi vini di alta qualità e di altissimo valore etico. Cliccando quì si possono ordinare on line e ritirarli nella Bottega Benkadì più vicina a te: Monfalcone o Staranzano. Non resta che assaggiarli!

Libera Terra nasce con l'obiettivo di valorizzare territori stupendi ma difficili, partendo dal recupero sociale e produttivo dei beni liberati dalle mafie per ottenere prodotti di alta qualità attraverso metodi rispettosi dell'ambiente e della dignità della persona. Inoltre, svolge un ruolo attivo sul territorio, coinvolgendo altri produttori che condividono gli stessi principi e promuovendo la coltivazione biologica dei terreni.

Centopassi è l'anima vitivinicola delle realtà siciliane di Libera Terra, la Cooperativa Sociale Placido Rizzotto, la Cooperativa Sociale Pio La Torre e la Cooperativa Sociale Lavoro e non solo. Le cooperative gestiscono beni agricoli confiscati ai boss di cosa nostra, 93 ettari a vigneto tra la zona di Palermo, sui terreni appartenenti al Consorzio di Comuni Sviluppo e Legalità, e nelle province di Trapani e Agrigento.

Hiso Telaray è il nome dell'attività vitivinicola della Cooperativa Sociale Terre di Puglia, che opera sui beni confiscati alla criminalità organizzata pugliese. La cooperativa gestisce 25 ettari a vigneto nella provincia di Brindisi, nei comuni di Mesagne, Torchiarolo e San Pietro Vernotico. Il vitigno principe é il Negroamaro, utilizzato per vini rossi e rosati dallo stile elegante, che privilegiano la bevibilità e che rendono giustizia alle splendide doti naturali di questa varietà autoctona salentina. La Cantina deve il suo nome a Hiso Telaray, un ragazzo albanese ucciso dai caporali nel 1999 a Cerignola per essersi ribellato.

Fonte www.liberaterra.it