Benkadì ha pensato di promuovere la pasta della Cooperativa Agricola Iris perchè è una realtà etica unica in Italia.
Cerchiamo di spiegare il perchè: partiamo da chi sono i produttori della filiera Sono agricoltori o cooperative di produttori che conferiscono cereali, mais, grani di diverse varietà, legumi, grano
saraceno e pomodori alla cooperativa, che firmano un contratto di coltivazione nel quale viene stabilito il prezzo del prodotto, le caratteristiche di qualità, il sistema di pagamento, il
trasporto e si garantisce il ritiro totale del raccolto. Le aziende sono seguite dai tecnici della cooperativa che, oltre a dare consulenze agronomiche e burocratiche, eseguono controlli in campo (analisi) per
garantire che il prodotto sia conforme nella qualità e rispetti i parametri del biologico. Tutti i prodotti conferiti dalla filiera, poi trasformati, andranno a comporre il paniere del marchio IRIS.
Niente altro entra e niente altro esce.

FERTILITA’ DEI TERRENI
Questo argomento sta molto a cuore perché il rispetto della terra e la sua vita sono valori fondanti di Iris. Nutrire il terreno per nutrire il pianeta. Noi ci dimentichiamo troppo spesso che
la pianta nasce e vive nella terra e che la sua fertilità ne consente una crescita sana. Pensiamo che concimando il terreno nutriamo la pianta. Non è vero. È la sostanza organica, l’humus che
nutre la pianta. Quindi per aumentarne la sostanza organica è necessario eseguire correttamente alcune pratiche agronomiche.

MINIMA LAVORAZIONE
È il sistema di lavorazione del terreno che non prevede l’aratura ma, con l’utilizzo di attrezzi moderni consente di lavorare il terreno alla giusta profondità mantenendo in superficie i residui
della coltura precedente ne favorisce l’ossigenazione innescando il processo di trasformazione della sostanza organica in humus che è la vita della terra. Non meno importante è che con questo
sistema si abbattono il consumo di gasolio l’inquinamento e i costi aziendali e ambientali.
ROTAZIONI COLTURALI
Questo è un aspetto fondamentale per l’azienda biologica, non è solo una regola da rispettare ma una corretta alternanza delle colture può migliorare la fertilità del terreno e contenere le
erbe infestanti, uno dei maggiori problemi del biologico.
SOVESCI
Spesso la pratica dei sovesci non viene effettuata dagli agricoltori perché viene considerata solo un costo, ma anche perché non si conoscono quali miscugli di erbe è meglio seminare.  

IL NUOVO PASTIFICIO

E' costruito con i più moderni criteri di bio edilizia, tutte le pareti in legno certificato, depuriamo le acque e le restituiamo all’agricoltura che livello di auto sufficienza energetica raggiungiamo, sono state progettate enormi vetrate che
permettono a chi lavora di vedere la campagna circostante. E' stato possibile finanziare una parte della fabbrica con i risparmi di tante persone che condividono i nostri valori e hanno acquistato le azioni mutualistiche partecipando direttamente alla realizzazione di questo grande progetto di bene comune e di comunità. Sono riusciti a rendere sostenibile un altro tipo di economia. Il Pastifico Iris di proprietà dell’omonima Cooperativa si distingue nella sua gestione perchè i soci ripropongono anche nell’industria i propri ideali. Come nell’azienda agricola si devono rispettati i ritmi della terra per raccogliere ottimi frutti; vengono rispettati i giusti tempi di lavorazione per ottenere un’ottima pasta.